5 incontri gratuiti per 5 persone!

Massaggio infantile

Concedetevi un’esperienza unica da condividere con il vostro bambino. Un momento di intima condivisione e contatto solo per voi. Il massaggio non è una tecnica da apprendere ma piuttosto un’esperienza tramandata da generazioni, questi momenti di condivisione vi permetteranno di scoprire il LINGUAGGIO SEGRETO del vostro bambino, entrando in contatto con i suo bisogni e le sue richieste.

Scopri quali sono  I benefici del massaggio infantile 

Dott.ssa Desirè Roberto

Depressione…

fiore

Sei bella così!

1f26c1bdf79ca3dacef59137f0f6e3f0

“La cellulite è una malattia”, questo è il messaggio che passano in TV, così ci sentiamo malati anche quando non lo siamo. Bene care donne: la cellulite non è una malattia ma non lo sono neanche le smagliature o un po’ di pancetta o fianchi. Spesso Curiamo il nostro corpo perché l’apparenza vale più dell’essenza e non importa se hai il vuoto dentro e la tristezza dilaga nella tua vita, camuffare tutto sotto un bel velo di trucco e un fisico “perfetto” ti fa sentire adatta, non devi essere adatta per gli altri ma per te stessa! Tu sei tu e sei bella così. Siamo tutti IMPERFETTI e lo saremo sempre perché siamo umani ed è per questa diversità che siamo AUTENTICI e MERAVIGLIOSI ❤️ TU VALI E SEI BELLA COSÌ…RICORDALO SEMPRE!

Dott.ssa Desiré Roberto

 

Inizia da qui!

mm

Bambini: 10 CONSIGLI per farli dormire nel proprio letto

bimbo_dorme500

I genitori spesso mi pongono questa domanda: “come far addormentare il bambino nel proprio letto?”.

Un’importante precisazione è che non è possibile mandare i bambini nella propria camera all’improvviso ma è un processo GRADUALE. Il buio e la solitudine crea molte paure e insicurezze nei bambini e non rispettare i loro tempi e le richieste di rassicurazione potrebbe farli sentire rifiutati e quindi diventare un’esperienza traumatica.

  1. Il primo consiglio che posso dare ai genitori è di avere molta PAZIENZA e non avere fretta perchè il distacco è un momento molto delicato. Ogni famiglia crea gradualmente il suo equilibrio.
  2. Ricorda che i bambini sono TRANQUILLI se vedono che i genitori sono tranquilli, chiedere al bambino “Riusciresti a dormire solo stanotte?” o ” Te la senti di dormire solo o hai paura?”  lascia trapelare le titubanze e le paure del genitore. I genitori anche se esausti di avere il bambino nel proprio lettone hanno difficoltà a separarsene e spesso si sentono il colpa. Quindi, caro genitore, quando sei sereno e tranquillo inizia gradualmente a far dormire il tuo bambino nella sua cameretta.
  3. UNO SPAZIO TUTTO SUO! Coinvolgete il bambino nella realizzazione della sua cameretta, lasciate che scelga oggetti, colori, appendete i suoi disegni, mettete i suoi giochi. La cameretta deve essere vissuta dal bambino come un posto piacevole e dormire da soli dovrebbe essere vissuto come una conquista. Inizialmente può usare questo spazio per giocare e prendere familiarità.
  4. IL PISOLINO NEL TUO LETTINO. Se il bambino fa il pisolino pomeridiano, iniziare a farlo dormire nella sua cameretta, di giorno non avrà paura e pian piano inizia ad abituarsi ad uno spazio tutto per sè.
  5. CREA ABITUDINI piacevoli prima di andare a dormire: farsi le coccole, leggere una favola, bere una bevanda rilassante etc.
  6. PELUCHE O GIOCHI. Può essere molto rassicurante per i bambini portare a letto un gioco che a lui piace tanto, questo lo aiuterà nella separazione dai propri genitori.
  7. LUCINA ACCESA. Se il bambino ha paura del buio lasciate accesa una piccola luce. ( leggi anche STRATEGIE CONTRO LA PAURA DEL BUIO NEI BAMBINI).
  8. SE VI CHIAMA DI NOTTE, ANDATE DA LUI. La sensibilità del genitore al pianto del bambino è molto importante, il bambino deve sapere di potersi fidare, deve sapere che mamma e papà non lo stanno rifiutando ma che è grande e i grandi dormono nel proprio letto. Sarà molto stressante all’inizio ma pian piano il bambino inizierà a sentirsi più sicuro.
  9. RASSICURAZIONE. Se il bambino piange per aver fatto un brutto sogno, stategli vicino semplicemente ricercando il contatto, accarezzatelo, fategli sentire che ci siete e raccontate che anche mamma e papà a volte fanno brutti sogni.
  10. infine…FLESSIBILITA’! Non è semplice ma non è impossibile, il fine ultimo non è solo far addormentare il bambino nella propria cameretta ( e finalmente riposare bene e ritrovare l’intimità di coppia) ma è un aiuto al processo di autonomia.

Spero che quest’articolo sia stato utile!

Dott.ssa Desirè Roberto

Contatti

 

 

29 Marzo 2017

GIORNATA PREVENTIVA DI SENSIBILIZZAZIONE SUL BULLISMO.

17553526_1851445951789388_5763426989964110220_n

Emozioni in viso!

mappa-emozioni

Il nostro corpo parla, il nostro viso riflette ciò che stiamo vivendo

5 Consigli per chi soffre di Attacchi di Panico

cat-lib

 

La maggior parte dei miei pazienti lamenta Disturbi d’Ansia.

Cosa significa soffrire di un Disturbo d’Ansia? Immaginate di dover sostenere un esame difficile, avete paura, vi tremano le gambe, vi sudano le mani, avertite la bocca secca, dovete andare in bagno, vi batte forte il cuore e la vostra mente non riesce ad essere “lucida”.

Ecco, questo è lo stato semi-permanente delle persone che soffrono d’ansia. L’esempio è un pò estremo ma grossolanamente succede questo, il nostro “sistema di allarme” è sempre attivo o si attiva in determinate situazioni apparentemente innocue. Vivere in questo modo è davvero pesante.

Spesso all’ansia costante si accompagnano Attacchi di Panico ovvero, l’insorgenza improvvisa dei sintomi sotto elencati:

  • oppressione o fastidio al petto;
  • tachicardia
  • sensazione di soffocamento;
  • respiro corto o sensazione di asfissia o iperventilazione
  • sensazioni di sbandamento, instabilità e svenimento
  • paura di morire;
  • sensazioni di torpore o di formicolio;
  • paura di impazzire o di perdere il controllo;
  • sudore diffuso;
  • sensazioni di irrealtà, di stranezza, di distacco dall’ambiente;
  • vampate o brividi

Gli attacchi si verificano  all’improvviso come un fulmine a ciel sereno, durano pochi minuti e sono accompagnati dalla sensazione di poter morire,  di perdere il controllo o di impazzire.

Se queste caratteristiche ti sono familiari e non sai come affrontarle, oggi ti offro alcuni consigli:

  1. Sappi che  DURERA’ POCO: l’attacco, come già affermato, dura pochi minuti e come è venuto rapidamente altrettanto rapidamente se ne andrà.
  2. Sappi che NON STAI MORENDO, NE’ PUOI MORIRE PER UN ATTACCO DI PANICO. Anche se le sensazioni sono terribili, ti sembra di impazzire e sei convinto che in quegli attimi infiniti potresti morire, ricorda a te stesso che è  ANSIA.
  3. IMPARA A RESPIRARE IN MODO LENTO E REGOLARE.
  4. .GLI ATTACCHI DI PANICO SONO SOLO UN SINTOMO, sono la punta dell’iceberg di una sofferenza interiore ben più grande di cui siamo spesso poco coscienti.
  5. Dagli attacchi di panico SI PUO’ GUARIRE!

 

L’ansia condiziona negativamente la tua vita, il tuo benessere psico-fisico, le tue relazioni, la tua serenitàNon subirla passivamente!

 

Dott.ssa Desirè Roberto Contatti

 

8 MARZO 2017

L’incontro NON è riservato solo ad un pubblico femminile ma è aperto a tutti.

Quali sono gli argomenti che affronteremo?

  • Uomo e donna, così simili, così diversi!
  • Rapporto di coppia: conoscere l’altro per capirsi meglio.

diapositiva1

 

CONSULENZA GRATUITA 8 MARZO 2017

In occasione della Giornata Internazionale della Donna, in un’ottica di  PREVENZIONE PSICOLOGICA, si offre CONSULENZA GRATUITA  (su prenotazione) per tutte le DONNE.

Per info e prenotazione: Contatti

 

 

diapositiva1

“…Siamo così
È difficile spiegare
Certe giornate amare, lascia stare
Tanto ci potrai trovare qui
Con le nostre notti bianche
Ma non saremo stanche neanche quando
Ti diremo ancora un altro sì”   (F. Mannoia)

Donne: un mondo velato da mille sfaccettature.

Donne dedite alla casa, alla cura dei figli, al benessere del loro nido, donne mogli, mamme, amiche, donne in carriera. Donne apparentemente instancabili, donne che donano sorrisi e che spesso nascondono il proprio dolore dietro un flebile sorriso.

Donna questo spazio è per te!

 

 

 

 

26 Febbraio 2017

Incontro tematico: PSICOLOGIA & NUTRIZIONE

dimagrire

Quali sono gli ostacoli mentali alla perdita di peso? Perché iniziamo a seguire una dieta e poi ci arrendiamo?

Ti aspetto il giorno 26 febbraio alle ore 18,00 presso lo studio  “Nutrizione e dietetica clinica” via Dante Alighieri, 17. Gesualdo (AV).

Un incontro tematico in cui si parlerà proprio di questo.

Iniziamo oggi a prenderci cura di noi.

L’incontro è gratuito ma è necessaria la prenotazione, per info Contatti

Buona giornata a tutti.

Dott.ssa Desirè Roberto

PERCHE’ LA DIETA NON FUNZIONA?

Laura (38 anni): “Ho seguito una dieta per 5 mesi perdendo 10kg, un risultato davvero soddisfacente. Il problema è che ora sono bloccata, non riesco a continuare anzi, ho ripreso a mangiare in modo…

Sorgente: PERCHE’ LA DIETA NON FUNZIONA?

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: